ALCOLISMO TRA I GIOVANI: UN'EMERGENZA

Gio 04/01/2018

Italia, Capodanno 2018. 

In Liguria, all’ospedale più per l’alcol che per i botti di capodanno (link); boom di intossicazioni etiliche a Genova (link). Eccessi di alcol a Brescia e, in provincia, numerosi giovani in coma etilico (link); a Jesolo, molti giovani in ospedale ed un ragazzo in coma etilico (link); in Campania oltre 100 ragazzi (molte ragazze) ricoverati per abuso di alcool e stupefacenti (link); 20 ragazzi in coma etilico a Napoli (link). Queste e tante altre le notizie pubblicate sui media italiani nei primi giorni del 2018.

Come rimanere indifferenti? Sono troppi anni ormai che i giovani bevono ormai fino a “sballare”, confondendo una sbornia per divertimento (dati ISTAT).

Possibile che le famiglie e le istituzioni non riescano a fare nulla per modificare questo comportamento dei giovani, moltissimi anche minorenni, e gli lascino credere che sia normale eccedere nel consumo di alcol durante i momenti di festa? Possibile che adesso, il bere sia accreditato nei giovani come un fenomeno di moda, immagine di socialità e successo, quando fino a pochi anni fa le persone che bevevano abitualmente venivano considerate degli emarginati di cui avere pena?

 

L’alcol fa male.

Lo dicono i medici; lo dice il Ministero della Salute; lo dicono i media.

Eppure nei giovani tra i 18 e i 24 anni (moltissime ragazze e tanti giovanissimi) il binge drinking, ossia l’assunzione di più bevande alcoliche in un lasso di tempo più o meno breve, è sempre più frequente nei momenti di socializzazione.

Genitori ed istituzioni devono provare a fare qualcosa di più per arginare questo fenomeno, lavorando insieme per spiegare ai giovani che una sbornia non è solo una sbornia, che a volte può essere pericolosa e che comunque produce degli effetti negativi sul nostro corpo. Visite presso le strutture dedicate al recupero dall’alcolismo oppure al pronto soccorso delle varie città, incontri con dei medici specializzati potrebbero essere, ad esempio, alcune delle iniziative da mettere in atto per tentare di modificare l’immagine positiva che ha l’alcol nei giovani di oggi.

In questo senso, la scuola potrebbe giocare un ruolo importante.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Annalisa Melchionna

 

                                                                                                                                                                                                                                               

  • Attualità
  • Tempo libero
  • Benessere